Sul paesaggio normanno

Immersi nell’estremitá settentrionale della campagna normanna, si potrebbe pensare che qualsiasi direzione si prenda, si vada poi incontro ad infinite distese di campi e pascoli e gialli daffodils. Ecco, non testate mai quest’impressione, perché al 25% volereste in mare dopo trecento passi.


Verso nord infatti, i campi terminano cosí: all’improvviso, sull’orlo di una falesia a strapiombo sul mare per decine di metri. Solo raramente il profilo roccioso s’interrompe e degrada dolcemente a formare delle conche aperte verso il mare, su cui sono adagiati dei paesini di pescatori. Dieppe é il piú grande. Poi Pourville, Varengeville, Fecamp, Etretat, via fino a Le Havre. Per il resto, chilometri e chilometri di rocce bianche e  argilla senza soluzione di continuitá.

falesie85
Mmm, proprio senza?

In realtá no. Vi sono dei crepacci, molto stretti, qui chiamati valleuses, scavati da piccoli corsi d’acqua secoli fa, con cui ora la vegetazione arriva in faccia al mare. Come in questa foto.

valleuse95

Ora la stradina è asfaltata, ma la vegetazione, lo spicchio di mare, il degradare delle scogliere…un momento, io questo posto l’ho già visto!

monet valleuse95

Oh beh.

(continua…)

Lascia un commento